Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Avete accettato l'utilizzo dei cookies sul Vs. computer. Questa decisione è reversibile.

Sostegno psicologico e genitoriale LGBT+

LGBT+ è un acronimo che sta ad indicare persone Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender e Queer, e le altre categorie cui gli individui si identificano che non siano uomo o donna cis-gender.

La comunità nasce dalla necessità di dar voce ad una minoranza che ancor oggi subisce discriminazione culturalmente connotata attraverso un divario sociale e giuridico. Secondo i dati dell’UNAR, nel biennio 2020-2021, il 26% degli uniti civilmente sostiene di aver
avuto uno svantaggio lavorativo (in almeno due campi fra: carriera e crescita professionale, riconoscimento, apprezzamento, reddito e retribuzione). La causa è per il loro orientamento sessuale.

Il 46,9% degli omosessuali e bisessuali dichiara di aver subito un evento di discriminazione a scuola o università. Per gli individui transgender i dati aumentano ancor notevolmente. Ciò chiarisce come dichiararsi LGBT+ possa rappresentare un evento particolarmente significante in termini psicologici.

Riuscire a riconoscersi come tale può essere un percorso critico per coloro che non sono consapevoli delle proprie risorse, in quanto comporta una rinegoziazione di sé stessi e delle proprie relazioni familiari e sociali molto significativa.

Lo studio offre consulenze e percorsi di sostegno psicologico a coloro che necessitano di un aiuto nel percorso di affermazione di sé stessi. Si offrono anche percorsi di sostegno genitoriale a genitori di persone LGBT+ che necessitano di uno spazio di ascolto volto al riconoscimento e all’accettazione dell’identità del proprio figlio.

Contattaci

Adulti, infanzia e famiglia
334.1827475